Come smettere di fumare

0
41
Come smettere di fumare

Smettere di fumare non è semplice. In Italia si fuma moltissimo, e le leggi e le restrizioni degli ultimi anni non hanno portato a un effettivo calo dei fumatori. Lo stesso si può dire delle immagini che da qualche anno corredano il pacco di sigarette, illustrando alcune delle possibili conseguenze nefaste del fumo sul corpo umano. Il fumo è una dipendenza che può instaurarsi per vie diverse. Per spirito di emulazione, per compensazione, per voglia di ribellarsi. Molto spesso, il fumo e il vizio di fumare compensano vuoti e carenze di qualsiasi tipo, anche emotive o affettive, che rimarrebbero scoperte smettendo di fumare.

D’altra parte, questa dipendenza è una delle prima cause indirette di morte, poiché è alla base di numerose malattie, come l’infarto, il cancro, l’enfisema e così via. L’abitudine al fumo è talmente normalizzata che a stento ci si impressiona vedendo qualcuno fumare.

La prima ragione per smettere di fumare è per preservare la propria salute, ma la seconda (quando non la prima) è per proteggere le persone che ci stanno accanto giornalmente. Infatti, anche chi inala fumo passivo finisce per assorbire sostanze, quali il benzene, che aumentano il rischio di tumore e di malattie a carico del cuore.

Il fumo è anche costoso: la spesa mensile di un fumatore accanito può essere molto elevata e incidere seriamente sulle sue risorse finanziarie. Come se non bastasse, il fumo porta con sé l’inevitabile invecchiamento della pelle, oltre che di numerosi altri segni antiestetici.

I motivi per smettere di fumare sono tanti, le possibilità di aiutarsi a farlo pure. In questo articolo parliamo di come smettere di fumare e come rimanere fedeli ai propri propositi.

Come smettere di fumare: la scelta

Per smettere di fumare bisogna scegliere di farlo. Il fumo è una dipendenza causata dalla presenza di nicotina. Ogni dipendenza è dura a morire e facile da annientare, ma ponendosi l’obiettivo la questione si può tradurre tutta in: come raggiungerlo. È possibile che ci si ricada, ma occorre riprovare e ricominciare da capo.

Per aiutarti, rivela la tua intenzione a persone a te care, che saranno pronte ad aiutarti e a darti la forza di continuare. Scegli un giorno preciso per iniziare il percorso e, se vuoi, fa’ in modo che sia una data carica di significato.

Elimina la tentazione

Qualsiasi tentazione potrebbe convincerti a rinunciare al tuo proposito. La tua resistenza può vacillare alla sola vista di una sigaretta: quando decidi di fumare, butta tutte le sigarette che hai in casa. Assicurati di non rischiare di trovarne per caso negli abiti, nelle borse e in qualsiasi posto. Butta tutto ciò che ti possa ricordare il fumo, compresi gli accessori se fumi il tabacco. Cerca anche di eliminare tutti gli odori che si sono ormai insediati in casa tua e nel tuo guardaroba. Pulisci tutto da cima a fondo, lava i vestiti e rinfresca la casa.

Anche molti ambienti stimolano l’impulso di iniziare a fumare. Scegli con cura sia i posti in cui ti rechi, sia le persone che incontri.

Rivolgersi a esperti

Se la propria volontà non è sufficiente, e spesso non lo è (perché la volontà è un concetto molto volatile, che non offre alcuna certezza, proprio come il fumo), ci si può rivolgere a centri specializzati nel trattamento della dipendenza dal fumo.

I centri antifumo dispongono di numerosi strumenti ed esperti che possono affiancarti nel tuo percorso di rinuncia al fumo. Persone specializzate saranno pronte a offrirti servizi di supporto, a includerti in terapie di gruppo apposite. Laddove necessario, potrai avere un supporto mediato dalla prescrizione di sostitutivi e di farmaci. Rivolgiti al numero verde delle associazioni disponibili, controlla sul sito dell’Osservatorio fumo alcol e droga (OssFAD) dell’Istituto Superiore di Sanità per risalire al centro più vicino a te.

Trovare un hobby e praticare sport

Lo stress e la tensione dovuti a percorso di astinenza dal fumo possono essere molto pesanti e minare alla tua stabilità emotiva e mentale. Anche il malessere fisico può incidere in ciò e tutto questo può portarti a cedere alla tentazione di fumare, anche una sola volta. Una sola volta, però, spesso significa ricominciare a fumare.

Per sfogare la tensione accumulata fai esercizio fisico: iscriviti in palestra, vai a correre, fai nuoto, fai escursioni. All’inizio sarà dura, perché il corpo non è abituato e il fumo mina alla resistenza. Ma dopo un po’, ritroverai la forza e la spinta per continuare. Gli hobby e lo sport ti tengono distratto e ti aiutano a focalizzarti su ciò che stai facendo e non sul desiderio di fumare.

Impiega sempre il tuo tempo e pianifica tutti i giorni dei tuoi prossimi mesi, in modo che non ci sia spazio per rimuginare. Porta sempre con te un libro, un quaderno su cui scrivere i tuoi pensieri, o qualcosa da maneggiare.

Segui una dieta equilibrata e ricca

Una dieta sana, ricca di verdure, frutta, carni magre, pesce, legumi, e quanto più varia possibile ti aiuterà a ristabilire il tuo benessere fisico e a farti sentire in forma, dandoti la netta sensazione di stare meglio. Ricordati di bere molto.

Trova un gesto che rimpiazzi il portarsi la sigaretta in bocca

Tante volte un unico gesto familiare può donare un senso di sollievo e una sensazione confortante. L’assenza del solo gesto di portare la sigaretta alla bocca può diventare intollerabile per molti, perché rappresenta un’abitudine e come tutte le abitudini essere rincuorante. Sostituisci la sigaretta con semi, gomme da masticare, o mentine. Prova a mangiare liquirizia, o altri cibi dai sapori forti da poter masticare che rimangano a lungo in bocca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome