Come cucinare le patate

0
40
Come cucinare le patate

Le patate sono le mutaforma della cucina. Sono infatti le più versatili, adatte a numerosissime preparazioni, sempre buone e infinitamente confortanti. In estate, preparate in insalata o leggermente arrostite, in inverno bollite, o sotto forma di zuppa o purè. Una vera bontà umile e nobile allo stesso tempo. Possono creare dipendenza, ma se cucinate nel modo giusto non sono per nulla ipercaloriche. Inoltre, hanno una grande quantità di acqua e contengono modesta quantità di grassi. E poi sono ricche di vitamine, e possono essere tranquillamente consumate anche dai diabetici, facendo attenzione a non scambiarle per semplici ortaggi o verdure. Possono essere dei buonissimi sostituti di pasta e pane. Ma qui non siamo venuti a sindacare sulla quantità, ma sulla qualità e, soprattutto, sulla varietà! Infatti le patate si possono donare ai nostri piatti delle colorazioni dorate e super appetitose, preparate in moltissime ricette!

Le patate possono entrare nel nostro piatto come ingrediente principe (o, meglio, regina), oppure come contorno e possono arricchire le zuppe e le minestre.

Ma adesso andiamo al sodo e vediamo alcuni dei principali modi di cucinare le patate!

Patate bollite

In inverno, le patate bollite sono una vera e propria carezza allo stomaco e al cuore. Tenute in acqua bollente per circa mezz’ora, possono essere consumate calde (attenzione, lasciale raffreddare almeno un po’), oppure si possono usare in insalate fresche tagliate a cubetti, per esempio con il polpo, oppure semplicemente condite con aceto, olio, prezzemolo o altre erbe e spezie di tuo gradimento.

Puoi anche bollire le patate tagliate a tocchetti e sbucciate dentro una pentola, rompendo dentro uova per quante persone mangeranno il piatto, con un filo d’olio e pepe. Dopo circa 40 minuti o poco più di cottura, impiatta l’uovo insieme alle patate.

Patate fritte

Le patate fritte sono ormai un classico di relativamente recente entrata nella nostra alimentazione. Tipicamente consumate come cibo da strada o nei fast food, le patate fritte possono essere preparate facilmente in casa. Oltre alla tipica forma a bastoncino, le patate si possono friggere anche in sottili fette o in spicchi. Basterà pelarle, e buttarle nell’olio caldo circa 10-12 minuti. Se vuoi delle patate fritte più croccanti, una volta tagliate lasciale ammollo in acqua fredda per una mezz’oretta, in modo che perdano parte dell’amido.

Se fritte in sottili fette, a fine cottura puoi unire tutte le fette nella padella, romperci sopra un uovo e mescolare fino a che i dischi dorati si coloreranno di bianco.

Patate al forno

Un altro modo per cucinare le patate è al forno. Con questa preparazione, diventano un perfetto contorno per carne e pesce, ma anche in abbinamento ad altre verdure, come peperoni o melanzane. Taglia le patate a cubetti o nel taglio che preferisci (per esempio a fette sottili per preparare le patate gratinate), condite con un po’ d’olio, sale e erbe aromatiche (per esempio rosmarino o salvia) e infornale in una teglia, per circa 30-40 minuti a 200°. Puoi anche cuocere le patate intere (ben lavate) avvolte in carta stagnola.

Patate in padella

In padella le patate possono essere cotte quasi come fossero in forno. Puoi tagliarle a dadi o a spicchi, lasciarle in ammollo in acqua fredda qualche minuto perché perdano l’amido se le vuoi croccanti, e infine versarle sulla padella con un po’ di olio extravergine d’oliva. Lasciale cuocere prima con il coperchio, e poi senza. Assicurati di muoverle all’interno in modo che possano cuocersi su tutti i lati. Il miglior modo di consumare le patate così cotte è… subito!

Al microonde

Anche il microonde può essere un ottimo alleato per cucinare le patate, rendendo il procedimento ancora più veloce. Imposta la cottura al livello più elevato e assicurati di bucare la superficie delle patate per far fuoriuscire il vapore.

 Crocchette di patate

Le crocchette di patate sono una vera bontà, ma anche facili da preparare. Ti serviranno uova, parmigiano, sale e patate bollite schiacciate. Dovrai mescolare tutti questi ingredienti, uniti a eventuali spezie aggiunte (per esempio, la noce moscata) e ottenere un composto omogeneo. Dopodiché, l’impasto freddo dovrà essere lavorato in palline da allungare nella tipica forma della crocchetta: a questo punto, passa le crocchette nell’uovo sbattuto, poi nel pangrattato e… voilà, pronte per essere immerse in abbondante olio di frittura in padella. Occorrerà aspettare finché si dorino, poi estrarle e metterle a riposo nella carta assorbente. Da consumarsi ben calde!

Purè di patate

Per preparare il purè di patate occorrerà bollire le patate e schiacciarle direttamente nella pentola o nella casseruola di cottura del purè, unendovi un po’ di sale ed eventualmente noce moscata. A parte, riscaldare 200 gr di latte per 1 kg di patate e versarlo nella pentola, accendendo il fornello a fuoco basso. Mescolare il composto per unire gli ingredienti in modo omogeneo. Infine, aggiungere il burro (20 gr) o un po’ d’olio per mantecare il tutto. A piacere, si può aggiungere in ultimo il parmigiano. Dopo aver amalgamato tutto, il purè sarà pronto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome