Come lavorare da casa

0
27
Come lavorare da casa

Con l’avvento di internet e dei mezzi di comunicazione istantanei, è cambiata anche la gestione degli impegni e delle attività quotidiane, incluso il lavoro.

Oggi è possibile fare quello che in passato sarebbe parso impossibile fare: una cosa fra tutte, lavorare da casa. Certo, è vero che gli impegni casalinghi sono già un lavoro. Ma ancora non è prevista nessuna paga e nessun compenso per quelli, purtroppo.

Lavorare da casa guadagnando, in altri modi, si può oggi più di ieri perché siamo dotati di una quantità mai vista di strumenti e tecnologie che permettono di trasferire contenuti di ogni tipo da un posto all’altro del pianeta. Certo, molto spesso non si finisce concretamente per coprire tali distanze.

Tante volte, l’ufficio per cui lavoriamo dista un paio d’ore di macchina, oppure anche meno. Tuttavia, la comodità di poter svolgere le stesse mansioni da casa è, delle volte, irrinunciabile.

I lavori che si possono svolgere da casa sono molteplici: dai più intellettuali, ai più manuali. Ci sono, comunque, alcune regole e alcuni accorgimenti da prendere per essere sicuri che, nel caso specifico, lavorare da casa sia la cosa migliore da fare.

Cerchiamo di parlarne in questo articolo.

Cosa serve per lavorare da casa

A seconda del lavoro che vorrai fare, ti servirà del materiale, degli strumenti e delle attrezzature per “ricreare” in casa un ambiente di lavoro, in tutto e per tutto uguale a quello che sarebbe un ufficio o un qualsiasi altro locale in cui si svolgono attività lavorative.

In linea di massima, dovresti dotarti di un’agenda abbastanza chiara e pratica, così come di un calendario e di block notes e memo.

Una grossa parte delle professioni che si svolgono da casa implicano la necessità di possedere un computer: se non sei un ingegnere o un designer, o game developer, difficilmente ti serviranno modelli all’ultimo grido. Sarà sufficiente un notebook, o un computer fisso efficiente e funzionale.

Naturalmente, per lavorare da casa ti sarà necessario anche un cellulare, sul quale dovrai essere sempre reperibile. Stesso discorso vale per l’email. E qui ci tocca parlare del prossimo aspetto da tenere in considerazione se si sta valutando l’opzione di lavorare a casa: gli orari di lavoro.

Orario di lavoro da casa

Uno degli “inconvenienti” del lavorare da casa riguarda, appunto, la necessità di essere disponibile anche in momenti tipicamente fuori dall’orario lavorativo.

Questo perché molte delle persone che possono richiedere i tuoi servizi ne hanno bisogno in orari, a loro volta, fuori dall’orario di lavoro tipico. Ma anche perché non essendo vincolati a doverti cercare in ufficio,  la tentazione di sforare in orari serali, o a quelli solitamente destinati ai pasti, è tanta.

Un altro aspetto da tenere a mente è che, tendenzialmente, i lavori da casa sono spesso soggetti a termini ultimi di consegne. Questo significa che potresti benissimo dover completare un lavoro a ferragosto, oppure in piena notte. In questo caso, devi essere tu a saper gestire e a organizzare le commissioni nel modo più efficace possibile.

Quale luogo scegliere per lavorare da casa

Non tutta la casa deve diventare il tuo ufficio. Cerca di dedicare una stanza unicamente allo svolgimento della tua occupazione.

Dovresti anche evitare di scegliere la camera in cui dormi, o la cucina. Questo per diversi motivi: sia perché queste stanze sono piene di distrazioni, e non solo in termini di svaghi, ma anche di impegni. Potresti ritrovarti a interrompere il lavoro per lavare i piatti, o per piegare i vestiti ammassati sulla sedia della scrivania.

Un altro motivo valido per non scegliere questi spazi quando lavori da casa è perché, in qualche modo, questi dovrebbero essere “tutelati”. L’idea che il tavolo in cui pranzi, oppure la scrivania dove scrivi il tuo diario serale, una volta tolti di mezzo piatti e taccuini, diventino la tua piattaforma lavorativa è infelice.

Il rischio che sta dietro al fatto di confondere i due ambienti (lavorativo da una parte e quello abitativo e ristorativo dall’altra) e di annullarne i confini è quello di non riuscire più a separare le due sfere della tua vita: è una cosa che dovresti, con ogni sforzo, evitare.

Prenditi cura di te, abbi premura di riposarti e di non costringerti allo stress continuo di vederti il lavoro sotto gli occhi.

Quali professioni svolgere per lavorare da casa

I lavori che puoi svolgere da casa sono tanti.

Molti sono vincolati al possesso di certificazioni, diplomi o lauree: accertati sempre di essere in possesso di tutti i requisiti necessari (tieni il curriculum sempre aggiornato e a portata di mano). Eccone alcuni esempi:

  • Scrittore (copywriter, blogger, revisore, correttore di bozze): lo scrittore freelance può scrivere sia contenuti per siti web di terzi (solitamente per compagnie di marketing, con creazione di contenuti SEO), oppure per il proprio blog, o ancora scrivere romanzi o racconti per future pubblicazioni.
  • Traduttore: il lavoro di traduzione, specie se di testi di spessore accademico e di una certa importanza, richiede delle lauree e delle attestazioni.
  • Grafico: il grafico o web designer si occupa della creazione di contenuti di grafica, solitamente destinati alla creazione di pagine web.
  • Social Media Manager: è colui che si occupa della gestione dei profili dei social network, per esempio, delle aziende o dei brand.
  • Insegnamento: l’uso di skype e altri strumenti per la comunicazione audiovisiva ha permesso di creare una community online di insegnanti molto vasta, che offrono la loro esperienza e le loro conoscenze a coloro che vogliono apprendere.
  • Trader: i laureati in finanza possono svolgere la professione direttamente da casa, acquistando o vendendo prodotti finanziari.
  • Affiliazioni: questo lavoro permette di guadagnare da casa vendendo prodotti di aziende con i quali si entra in collaborazione.
  • Servizio catering: per gli appassionati di cucina, questo può essere il lavoro da casa perfetto. È necessario dotarsi del materiale utile e delle licenze specifiche per la vendita di cibo e bevande.
  • Babysitting: uno dei più classici lavori che si possono fare a casa, oggi più che mai richiesto dai genitori lavoratori.
  • Doposcuola: un altro esempio evergreen di come si possa lavorare da casa.
  • Life coach: molto adatto a chi ha una laurea in psicologia, o in filosofia. Il Life Coach aiuta le persone a raggiungere i loro obiettivi e a saper rendere migliori le proprie vite.

Ci sono tantissime altre professioni che ti consentono di lavorare a casa: contabili, sarti, wedding planner, manicure, pedicure, parrucchieri, rappresentati di cosmetici, trascrittori medici, segretari virtuali sono solo alcuni esempi di possibili figure professionali non necessariamente vincolate alla presenza in ufficio.
Insomma, ti basterà trovare il lavoro a cui sei più adatto e poi non ti resterà che cominciare a lavorare da casa tua!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome