Come addestrare un gatto

0
21
Come addestrare un gatto

L’addestramento di un gatto è sicuramente diverso da quello di un cane. Se quest’ultimo apprezza gli elogi e quasi qualunque premio, i gatti sono molto più selettivi e per così dire, schizzinosi.

Potrebbe essere meno facile addestrare un gatto, perché sono animali molto indipendenti, che hanno tanta autonomia e tendono a condurre una routine molto rigida. Sono animali abitudinari e quando apprendono un tipo di comportamento può essere dura distoglierli dal farlo. Inoltre, il gatto deve essere davvero motivato a compiere determinate azioni, altrimenti si rifiuterà di farle non percependo alcun beneficio dal metterle in pratica.

Come anche per i cani, anche per questo motivo è più facile addestrare un cucciolo piuttosto che un gatto adulto, anche se quest’ultimo caso è comunque possibile.

Potrà volerci un po’ di tempo e molta pazienza, ma con i giusti accorgimenti riuscirai ad addestrare il gatto e a renderlo un perfetto animale domestico. Segui i nostri consigli!

Addestrare il gatto: quali insegnamenti impartire?

Gli insegnamenti fondamentali per rendere la convivenza con il tuo gatto la migliore possibile sono pochi, ma estremamente importanti.

In primo luogo, dovrai insegnargli a urinare e defecare nella lattiera. Può essere complicato all’inizio, ma con alcuni stratagemmi dovresti riuscire a convincerlo che è quello il suo posto per fare i suoi bisogni.

Dovrai poi addestrarlo a non graffiare i mobili e gli arredamenti e a preferire solo alcune superfici che dovrai mettergli a disposizione. Non preoccuparti, esistono dei tiragraffi appositi per gatti.

Inoltre, dovrai insegnargli a non salire sul tavolo con il cibo e a non morderti o graffiarti. Infine, puoi anche fargli apprendere alcuni semplici comandi, come “seduto” e “vieni”. Probabilmente sarà molto meno disposto a compiere queste azioni molte volte, come il cane, ma alla fine sarai comunque soddisfatto.

 

Come addestrare il gatto a usare la lattiera

Per convincere il gatto ad usare la lattiera dovrai, innanzitutto, rendere la lattiera gradita al gatto. In questo senso, il primo accorgimento da prendere riguarda la posizione: scegli un luogo tranquillo e isolato, in modo da assicurare al gatto di poter fare i suoi bisogni in assoluta serenità, senza disturbi acustici o di altro tipo, senza pericoli e garantendogli la privacy sufficiente.

Scegli la lattiera migliore per lui. Se il gatto non sembra trovare “confortevole” la lattiera, cambiala. Di solito, una lattiera agglomerante e senza odori dovrebbe risultare idonea. Cionondimeno, potrebbe preferire una lattiera più fine o più grossolana: fai più tentativi, cambiando tipologie gradualmente (magari mischiandole fino a sostituire una con l’altra) e capisci quale preferisce.

Se il gatto defeca fuori dalla lattiera, pulisci subito con detergenti enzimatici, in modo che l’odore non lo induca a eleggere quel luogo come proprio. I gatti, esattamente come molti altri animali, tendono a marcare il territorio con le loro secrezioni.

Prova a prendere le feci depositate in altri posti e a metterle nella lattiera, così che l’odore si trasferisca lì.

Assicurati di pulire almeno una volta a settimana la lattiera, altrimenti il tuo gatto si rifiuterà di usarla. Indossa guanti e lava sempre accuratamente le mani dopo aver effettuato l’operazione.

 

Usa i rinforzi positivi

Quando il gatto fa un’azione che vuoi insegnargli, dagli subito una ricompensa, che può essere un piccolo bocconcino o uno snack prelibato. Non premiarlo sempre, ma solo finché non avrà appreso il comportamento. Questo tipo di metodo si chiama “rinforzo positivo“.

Viceversa, aggredire il gatto, sgridandolo o colpendolo, è detto “rinforzo negativob e non farà altro che spaventarlo e tendere a evitare qualsiasi tipo di contatto con te, oppure con gli oggetti di addestramento, come la lattiera: non usarlo mai.

I rinforzi positivi come i premi e le ricompense funzionano anche per addestrare il gatto a eseguire comandi come “seduto”: fagli vedere il premio, avvicinalo portandolo sopra la sua testa, in modo che si sieda e poi daglielo.

Usa un clicker (un dispositivo che fa un rumore simile allo scatto di una penna) per associare il suono alla ricompensa. Prova a tirare un bastoncino: quando il gatto lo avrà raggiunto e preso in bocca, premi il clicker e dì “vieni”, e vedrai che ritornerà indietro. A quel punto dagli subito la ricompensa.

Addestrare il gatto a non mordere

Il gatto è un animale naturalmente predisposto alla caccia: per questo motivo, se non correttamente addestrato, può sviluppare abitudini un po’ aggressive anche solo per divertirsi.

Quando giochi con lui e inizia a morderti, smetti immediatamente di giocare, rimanendo immobile. In questo modo, la spiacevole sensazione di aver perso il suo compagno di giochi sarà associata al gesto appena compiuto.

Non invadere i suoi spazi e non pressarlo insistentemente per coccolarlo o giocare con lui: i gatti sono animali molto indipendenti e hanno bisogno dei loro spazi.

 

Addestrare il gatto a non graffiare e salire sui mobili

Per prima cosa, dovresti procurare al tuo gatto un tiragraffi e una cassetta per gatti su cui potrà arrampicarsi.

Se il tuo gatto comincia a graffiare qualcosa, spaventalo con un rumore e portalo subito vicino al tiragraffi (o portagli il tiragraffi): saprà che lì potrà graffiare. Cospargi dei profumi o degli oli agli agrumi o al mentolo (che sono sgraditi ai gatti) sulle superfici che non vuoi che graffi. In nessun caso fai rimuovere le unghie al tuo gatto: è una tortura per lui e ne soffre molto.

Per scoraggiarlo a salire sul tavolo, dovresti togliere il cibo dalla sua vista. Quando ciò non è possibile, rendi la superficie del tavolo sgradevole: per esempio, tenendo un batuffolo impregnato di olio di mentolo e agrumi lì vicino, oppure mettendo dei pezzi di nastro biadesivo. Così, il gatto troverà sgradevole salire sul tavolo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome