Cosa vedere a Roma

0
99
Cosa vedere a Roma

Roma è una città dal fascino intramontabile. Una delle mete mondiali più frequentate di sempre, alcune volte reagisce alle conseguenze di questa sua grandezza, forse, in maniera scostante e spesso inadeguata.

Tuttavia, è innegabile che Roma sia un gioiello della nostra realtà per come la intendiamo nel nostro secolo. Cultura, moda, divertimento, bellezza, storia, cucina: tutto convive creando una trama incantevole, che racchiude alcuni dei topoi della cultura occidentale e moderna.

Vedere Roma è un’esperienza che va vissuta a pieno e con consapevolezza, storica e culturale.

Per quanto i suoi monumenti e le sue preziose testimonianze parlino da sé e comunichino un’idea di indiscutibile bellezza e armonia, il modo migliore di godere a 360° delle molteplici avventure che può offrire questa città è scoprirla piano piano e a fondo.

L’ideale è percorrere un itinerario che tocchi i luoghi più preziosi sul suolo romano, conoscendone la storia e avendo un’idea della loro importanza storica, oltre che turistica e estetica.

Questa guida di cosa vedere a Roma ti aiuterà a fissare le tappe salienti del tuo percorso, fornendoti una panoramica dei luoghi e del perché meritano di essere visitati.

Cosa vedere a Roma

Colosseo e Foro Romano

Cosa vedere a Roma

È il monumento più visitato di Roma, il più immortalato, il più nominato, il più simbolico. L’Anfiteatro Flavio, il Colosseo per tutti, ricopre un arco temporale di poco meno di 2.000 anni.

Un tempo luogo di divertimento e di esibizioni, nell’Antica Roma ospitava spettacoli, rappresentazioni, giochi, esecuzioni, gare, lotte. Oggi è diventato esso stesso l’oggetto di osservazione e ammirazione dei turisti e rappresenta la maggior attrazione sul palco in cui si trova: Roma.

Ha subito parecchi maltrattamenti: guerre, bombardamenti, terremoti sono passati lasciando il segno sulle mura di questo mirabile documento storico. Tuttavia, se ciò non ha minato alla sua maestosità, l’ha forse resa ancora più grande.

L’interno del Colosseo è visitabile, ma è bene recarsi alla biglietteria alle prime ore della mattina, in modo da evitare le lunghe code. Potrai anche recarti invece al Palatino, acquistando un biglietto combinato con il Colosseo.

Altro sito da visitare a Roma è, ovviamente, il Foro Romano.

Anticamente la piazza di ritrovo dei romani, palcoscenico della vita pubblica e religiosa, oggi è uno spazio in cui è possibile compiere un viaggio temporale, immergendosi fra i templi, gli archi (l’Arco di Tito, in particolare), le strade.

Stiamo parlando di edifici risalenti a 20 secoli fa. Troverete poco di simile al mondo.

 

Il Vaticano

Cosa vedere a Roma

Il Vaticano è un’eccezione internazionale anche solo per la sua particolare natura di città-stato. Per la precisione, è lo stato più piccolo del mondo e centro assoluto della Chiesa Cattolica.

Vi abita il Papa e altre circa 1.000 persone, che godono quindi di una residenza di ben 0,44 km quadrati.

Il Vaticano è una miniera di splendidi gioielli artistici e architettonici: a partire dai giardini che lo circondano, passando per il maestoso porticato di piazza San Pietro, con il suo obelisco, per finire alla meravigliosa Cappella Sistina, testimonianza di un genio come fu quello di Michelangelo.

Non solo: i Musei Vaticani offrono uno spaccato della maestria degli artisti di innumerevoli epoche, che hanno lasciato il loro segno a Roma, contribuendo a creare una delle collezioni più grandi al mondo.

La visita guidata vi consentirà di ammirare e apprendere la storia delle opere che sono ospitate da questa isola di pietra, incastonata senza tempo sul suolo di Roma.

 

Il Pantheon

Cosa vedere a Roma

Il Pantheon è una delle cose più suggestive e significative da vedere a Roma.

Fu edificato tra il 118 e il 125 d.C., su volontà dell’imperatore Adriano. Poi convertito da pagano a edificio cristiano nel 609. In origine era un tempio dedicato alle numerose divinità romane (infatti “Pan” significa tutto e “Theon” significa divinità).

La sua forma è circolare ed è circondato da un colonnato di stile corinzio, in granito.

Si tratta di una delle testimonianze architettoniche dell’antica Roma meglio mantenutesi nel tempo: in un certo senso, è anche il primo di una lunga serie di moderni edifici destinati al culto religioso.

È uno scorcio dell’importanza che riveste la religione, pagana, cristiana o di qualsiasi natura essa sia, per l’uomo, e di come questo bisogno riesca ad essere, nel migliore dei casi, sublimato in opere di grande bellezza e valore.

 

La fontana di Trevi

Cosa vedere a Roma

Le fontane di Roma sono una delle tappe fondamentali e assolutamente da annoverare tra le cose da vedere a Roma.

Prima fra tutte e la più nota è la Fontana di Trevi.

La ricordiamo nel film La Dolce Vita di Marcello Mastroianni, ed è, anche per quello, uno dei simboli indiscussi della capitale italiana.

Raffigura il dio Nettuno, sebbene la sua costruzione risalga a un’epoca relativamente recente (240 anni fa, progettata da Nicola Salvi). Ma non è strano: quasi sempre viviamo di rendita, con tutti i suoi pro e i suoi contro.

La sua costruzione impiegò 30 anni e vide il contributo di molte figure, quali Giovanbattista Maini e Pietro Bracci.

Difficilmente troverete questo sito povero di turisti: ma non fa niente, vale comunque la pena di visitarla.

 

Le piazze di Roma

Cosa vedere a Roma

Tra le cose da visitare a Roma, non possono mancare quelle che rendono Roma quella che e ed è sempre stata, seppure oggi in modo diverso. Ovvero una città destinata a far convergere popoli e culture, persone diverse in luoghi di condivisione: le pizze.

A Roma ve ne sono di numerose e tutte hanno una personalità propria, che deriva da chi le ha progettate, da chi ha contribuito a renderle quali sono in passato e anche oggi.

Piazza di Spagna è una tappa fondamentale. Se si volesse spiegare perché questa piazza possiede un fascino così magnetico, si dovrebbe citare la fontana, progettata da Bernini, che sembra ergersi come ostacolo e uno spartitraffico che separa in due il flusso di turisti che la affollano. Oppure, si potrebbe citare la maestosa scalinata che domina la piazza e sembra farsi beffa della piccolezza brulicante dei turisti.

Altro giro, altra piazza: siamo a Piazza Navona. Come non includere questo gioiello di eleganza, con la sua fontana che, al pari di un diamante, meraviglia gli occhi con i suoi giochi di luci e bagliori? La fontana dei Quattro Fiumi (anche questa ideata da Bernini) è una splendida eredità che ha come missione quella di fermare il tempo della nostra epoca per immortalare la nostra Terra per come ci appare oggi (chissà per quanto ancora?), percorsa dai quattro fiumi: il Nilo, il Rio de Plata, il Gange e il Danubio.

Piazza del Popolo è uno dei simboli di Roma, ma anche uno dei simboli d’Italia: era l’ingresso a Roma ai tempi dell’Impero.

Cosa vedere a Roma

Piazza del Campidoglio è, invece, una perla del Rinascimento, progettata da Michelangelo, con la sua statua equestre e il Palazzo Nuovo.

Da visitare anche Campo de’ Fiori: in questo angolo ricco di colori e profumi potrete passare un paio d’ore a girare i mercatini, o a ristorarvi presso i numerosi locali al chiuso o all’aperto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome