Come organizzare un viaggio

0
91
Come organizzare un viaggio

Organizzare un viaggio può essere entusiasmante, ma può anche rivelarsi un incubo. In linea di massima, per evitare di impazzire all’ultimo minuto e di ritrovarsi ostacoli temporali e spaziali a non finire è utile, anzi, indispensabile organizzare il viaggio con larg

anticipo rispetto alla partenza.

Questo per diversi motivi: innanzitutto, prenotare biglietti di voli, camere d’hotel, musei e attrazioni turistiche in anticipo con molta probabilità comporta anche un vantaggio economico, in quanto molto spesso a una distanza temporale dell’acquisto rispetto al “consumo” equivale anche a un relativo risparmio. Questo vale soprattutto per i voli, ma lo vedremo meglio dopo.

Oltre al vantaggio economico, organizzare un viaggio a distanza di qualche mese dalla partenza ti dà anche la possibilità di non tralasciare i dettagli più piccoli, ma che potrebbero fare la differenza nella tua esperienza. Alcune cose banali, come il ricordarsi di portare adattatori per spine elettriche, oppure liberare la memoria della macchina fotografica, oppure addirittura avere il tempo di prendere appuntamento dall’estetista.

Non solo, però: organizzarsi in tempo può lasciarti più spazio per definire meglio il tuo itinerario, scegliere con cura i posti da visitare, e, ancora più importante, andare più a fondo nella conoscenza della tua destinazione.

Ma andiamo per step e vediamo come organizzare un viaggio al meglio.

Scegliere la meta

La prima cosa da fare è, naturalmente, scegliere la meta del viaggio. Non è così scontato: molte persone rimangono sulle sabbie mobili dell’incertezza fino a che, poi, la quantità di cose da fare, di ostacoli e imprevisti non finiscono per trascinarli nell’apatia, se non nell’avversione verso qualsiasi proposito di partire e di farsi una vacanza. Il rischio di trascinarsi nell’indecisione fino alla fine è che, volente o nolente, poi ci si vedrà costretti a dover rimandare l’esperienza, oppure a viverne una davvero infernale.

Per questo considera quello che vuoi e ti aspetti da questa vacanza e scegli la destinazione. Considera che una destinazione turistica può offrire deversi tipi di esperienze tra cui scegliere. Puoi cercare l’intrattenimento culturale, paesaggistico, gastronomico, artistico, o il divertimento, la vita notturna e così via. Insomma, la scelta è vastissima: scegli di conseguenza quale città o il Paese che concilia di più con i tuoi interessi.

Considera anche il costo della vita (se dovrai cibarti e rimanere lì per più giorni), il costo dei biglietti aerei, del soggiorno, dei mezzi.

Il clima è un altro fattore chiave: se non tolleri le basse temperature (o magari non puoi permetterti di portare con te l’abbigliamento invernale che sarebbe necessario) escludi le mete fredde; viceversa, se non vorrai trovarti in un posto in cui la calura torrida ti sfiancherebbe, opta per qualcosa di più fresco. Valuta anche la stagione in cui partirai, cercando anche di evitare i mesi di maggior afflusso turistico.

Accertati anche sulle leggi in vigore in questi paesi. Verifica lo stato del tuo passaporto e controllane la validità (alcuni Stati impongono che la data di scadenza, per esempio, non sia compresa nel periodo di permanenza nello Stato, o addirittura anche qualche giorno dopo il ritorno).

Altro fattore importante da considerare è la necessità di fare vaccini: in alcuni Paesi, la vaccinazione è obbligatoria. Inoltre, in base alle tue paure e alle tue fobie, dovresti ponderare bene su quali nazioni puoi visitare a cuor leggero, senza rischiare di rovinarti la vacanza per la paura di possibili (anche se magari improbabili) malattie.

Prenotare i biglietti

Una parte sempre molto difficile quando si vuole organizzare un viaggio riguarda l’acquisto dei biglietti. Lo abbiamo già detto: prenotare prima serve a risparmiare. Soprattutto per quanto riguarda i biglietti aerei: alcune statistiche affermano che prenotare circa due mesi prima dalla partenza possa far risparmiare. Considera anche la possibilità di prenotare il volo con l’opzione di cancellazione o cambio data: anche se ti costerà di più, sarebbe ancora peggio rimetterci tutti i soldi (magari non solo dell’aereo) perché un impegno o un imprevisto non ti permette di partire alla data stabilita dal biglietto. Puoi anche coprirti con un’assicurazione di viaggio, che può tutelarti per tutta la vacanza.

Un altro accorgimento utile è quello di prenotare il volo durante la settimana e non nel weekend, poiché potrebbe garantirti un relativo risparmio. Inoltre, ovviamente, se puoi evita l’alta stagione.

Per risparmiare, valuta di prenotare il volo insieme all’hotel o all’albergo.

Quanto all’albergo, per evitare costi esorbitanti puoi prenotare un ostello (ma sappi che potresti trovare di tutto), ma soprattutto scegli la posizione strategicamente: per esempio, se prenoti un albergo fuori mano rispetto ai luoghi di tuo interesse, perderai molto tempo negli spostamenti, senza considerare i costi aggiuntivi (che di solito sono anche abbastanza alti). In particolare, non farti tentare troppo da un volo più conveniente, che però atterri in un aeroporto che dista miglia e miglia dalla città che hai deciso di visitare: i soldi che risparmi li spenderai molto probabilmente per raggiungerla, senza contare la scomodità.

Un altro consiglio è di non optare, per principio, per la struttura più conveniente: documentati bene, leggi recensioni e sii certo che il servizio sia abbastanza buono, che non possa rovinarti la vacanza. Un brutto hotel, ostello, o qualsiasi altra cosa sia, può davvero compromettere la vacanza. Chiediti questo: ne vale la pena per qualche decina di euro? O vale di più assorbire, senza dispiaceri, ogni sensazione indimenticabile che il luogo ti regalerà?

Crea un itinerario

Creare un itinerario dei luoghi da visitare è una parte fondamentale per organizzare il viaggio. Fallo prima, perché dalle tappe potrebbe dipendere anche la natura degli spostamenti che dovrai fare. Scegli le mete in modo da accorciare i tragitti e da combinare al meglio i tuoi interessi.

Su internet si trova qualunque tipo di informazione a proposito di come spostarsi da un punto all’altro di una città. In alternativa, puoi chiamare le agenzie di viaggio del luogo e informarti: potrebbero persino offrirti qualche soluzione vantaggiosa. Informati anche sulla possibilità di noleggiare un’auto e fallo, prima di tutto, con i proprietari della struttura presso la quale soggiorni (potrebbero offrirtene una loro). Valuta poi quale proposta sia la migliore. Appura che la tua patente sia valida in quel paese e che le strade siano praticabili e alla tua portata.

Come organizzare un viaggio: dettagli

Una parte importante dell’organizzazione del viaggio sta nei dettagli. Anche questi possono fare la differenza.

Ecco alcune cose a cui dedicare l’attenzione prima di partire:

  • Assicurarti di avere i documenti in regola (patente, documento di identità, visto, passaporto, certificati medici ecc.);
  • Avere soldi in contati (sparsi e divisi tra persone e cose);
  • Dotarsi di mappe, cartine e itinerari stampati. Se non hai cartine aggiornate, stampa le immagini prese da Google Maps;
  • Assicurati di avere tutto l’occorrente per mantenere in vita i tuoi dispositivi (caricabatteria, batterie per fotocamere digitali, adattatori, cuffie, ecc.);
  • Controllare che le carte di credito siano accettate e funzionanti nei circuiti del Paese in cui ti dirigi: valuta la possibilità di comprare una carta di credito di viaggio che potrai usare tranquillamente nel luogo di destinazione (le compagnie aeree ne offrono di vantaggiose);
  • Pianifica tutte le spese sicure. Datti un margine e un budget e cerca di prevedere tutto ciò che spenderai, anche facendo delle stime accurate dei mezzi che userai, dei luoghi di ristoro, delle attrazioni che visiterai. Non rischiare di trovarti senza un centesimo.
  • Fa’ la valigia in modo intelligente: non caricarti di roba, ma porta l’indispensabile. Arrotola i vestiti, porta gli indumenti più comodi e idonei per il clima.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome