Celiachia: cos’è e come conviverci

I sintomi tipici della celiachia influenzano il sistema digestivo, tuttavia, ci sono altre manifestazioni che rendono la diagnosi molto difficile.

0
166
Celiachia cos'è e come conviverci
Celiachia cos'è e come conviverci

La celiachia è una patologia autoimmune e sistemica. Ciò significa che è il sistema immunitario stesso che attacca diverse parti del corpo, causando gravi danni. In questo caso, l’obiettivo principale dell’aggressività è la mucosa dell’intestino tenue.

La particolarità della celiachia è che viene attivata dal consumo del glutine. Il glutine è una proteina presente in alimenti come orzo, avena, grano e segale. È anche in altri tipi di prodotti industriali come alcuni dentifrici, balsami per le labbra e articoli per capelli e pelle.

È importante chiarire che la celiachia non è una semplice intolleranza al consumo del glutine. L’intolleranza è l’incapacità di digerire una sostanza nutritiva, come succede ad alcune persone con il lattosio.

In questo caso, tuttavia, il consumo di glutine fa sì che il sistema immunitario venga attivato in modo inappropriato. Tutto questo causa danni a diversi organi.

Caratteristiche generali della celiachia

Caratteristiche generali della celiachia
Caratteristiche generali della celiachia

La celiachia è genetica. Una delle sue caratteristiche principali è che può attaccare ogni persona in un modo diverso. I sintomi possono verificarsi nel sistema digestivo, ma anche quasi ovunque nel corpo. In effetti, ci sono persone che sono asintomatiche.

Wikipedia
Una malattia asintomatica è una malattia che non presenta (alfa privativo) sintomi. Solitamente alcune malattie possono non mostrare sintomi fino a quando il paziente scopre di esserne affetto con esami di routine o per altri motivi.

Le manifestazioni della celiachia sono così ampie che mentre alcune persone hanno la diarrea o il dolore addominale, altri si sentono depressi o irritabili. Questa diversità rende difficile la diagnosi.

Si stima che la celiachia colpisca l’1% della popolazione mondiale. Tuttavia, solo uno su sette può essere diagnosticato correttamente. Molte persone, per esempio, hanno stitichezza e gonfiore addominale, ma non consultano il medico per questo motivo anche se questi episodi si ripresentano frequentemente, poichè convivo da sempre con questo problema pensando che sia cronico.

Tipi di celiachia

Per anni sono stati diagnosticati solo i casi di celiachia che presentavano la modalità tipica. Tuttavia, la scienza è stata in grado di stabilire che ci sono anche forme atipiche nella manifestazione di questa patologia. È stata quindi elaborata una classificazione più ampia della malattia.

I tipi di celiachia sono:

  • Sintomatica – È la forma classica. I sintomi tipici sono presentati e gli esami di laboratorio lo confermano.
  • Subclinica – In questo caso non ci sono sintomi, ma i test clinici mostrano un risultato positivo per la malattia celiaca.
  • Latente – Corrisponde ai casi in cui il consumo di glutine alla fine non genera alcun sintomo, ma lo ha fatto e può farlo di nuovo in altre fasi della vita.
  • Potenziale – In questo caso la persona non ha sintomi, né mostra risultati positivi in ​​nessuno dei test clinici, ma ha una storia genetica di celiachia.

Sintomi e diagnosi

Celiachia: cos'è e come conviverci sintomi e diagnosi
Celiachia: cos’è e come conviverci sintomi e diagnosi

La gamma dei sintomi della celiachia è molto ampia. Tuttavia, quelli che sono considerati tipici o più usuali sono i seguenti:

  • Perdita di peso e appetito
  • Nausea, vomito, diarrea, distensione addominale
  • Perdita di massa muscolare
  • Alterazioni di carattere (tristezza, irritabilità, apatia)
  • Dolore addominale
  • fatica
  • meteorismo
  • Ritardo della crescita nei bambini
  • Anemia da carenza di ferro

La diagnosi viene effettuata attraverso un attento esame clinico e un esame del sangue. In questo vengono stabiliti i marcatori sierologici della malattia celiaca: anti-gliadina, anti-endomisio e anticorpi anti-transglutaminasi tissutali.

Se il risultato è positivo, la diagnosi è sospetta della malattia. Per determinarlo con certezza, dovrebbe essere eseguita una biopsia intestinale.

Vivere con la celiachia

Vivere con la celiachia
Vivere con la celiachia

L’unico modo per imparare a convivere con la celiachia è mantenere una dieta rigorosa, priva di glutine. Questo non è facile poiché questa proteina non è solo in avena, frumento, orzo e segale, ma in innumerevoli prodotti che tutti i giorni comunemente usiamo.

In linea di principio, la farina e tutti i suoi derivati ​​dovrebbero essere evitati, così come tutti gli alimenti che nella sua composizione indicano la presenza di glutine.

Se segui una dieta priva di glutine, puoi vivere normalmente. Dopo un po’ tutti i sintomi scompaiono e le lesioni organiche causate dalla malattia celiaca vengono riparate.

È importante notare che il miglioramento non significa che è possibile tornare a consumare il glutine. Purtroppo come dicevano se si è celiaci dobbiamo conviverci ed il glutine deve essere eliminato per tutta la vita, se si è intolleranti il discorso è completamente diverso.

Idealmente, la dieta di un celiaco si basa su alimenti naturali come frutta, verdura, verdura, uova, carne, pesce, verdure e cereali senza glutine (riso e mais).

Non è consigliabile consumare cibi lavorati o confezionati. L’assunzione di pane, pasta e birra deve essere completamente eliminata.

Summary
Celiachia: cos'è e come conviverci
Article Name
Celiachia: cos'è e come conviverci
Description
La celiachia è una patologia autoimmune e sistemica. Ciò significa che è il sistema immunitario stesso che attacca diverse parti del corpo, causando gravi danni. In questo caso, l'obiettivo principale dell'aggressività è la mucosa dell'intestino tenue.
Marco D'Elia
Marco D'Elia
Marco D'Elia
Publisher Logo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome