Come depositare un marchio

0
22
Come depositare un marchio

La strada è stata lunga, hai raccolto quante più informazioni possibili su come si fonda un marchio, come si gestisce un’impresa, hai messo da parte tutti i risparmi possibili e finalmente ora puoi dire di essere giunto al momento fatidico: il momento di depositare il tuo marchio.

Adesso che ti sembra a un passo da te, ecco che arriva la burocrazia a metterti i bastoni fra le ruote. Come si deposita un marchio?

Stai tranquillo, non è così difficile. Grazie ad internet oggi puoi avere tutto a portata di mano: tutte le informazioni sono presenti sul sito ufficiale dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM: http://www.uibm.gov.it/), compresi i moduli e le indicazioni sulla regolamentazione e la procedura da portare a termine.

In questa guida, comunque, ti riassumiamo passo per passo tutti gli step per compilare la tua domanda in totale sicurezza e trasparenza, senza temere che la deposizione del marchio non vada a buon termine.

Leggi attentamente la nostra guida su come depositare un marchio e vedrai che non incorrerai in nessuna difficoltà e complicazione.

Cosa si può registrare?

Potrai registrare come marchio segni identificativi della impresa che ti appartiene e che non possano in alcun modo essere confondibili con altri marchi già registrati. I segni ammessi sono: parole, disegni, lettere, cifre, suoni, forme del prodotto e combinazioni di colori.

In questo senso, i segni devono avere tre caratteristiche: la novità, la capacità distintiva e la liceità (cioè conforme alla legge).

Esistono, poi, alcune restrizioni in merito alla natura del segno che puoi trovare a questa pagina: http://www.uibm.gov.it/index.php/marchi/registrare-un-marchio-in-italia/che-cosa-si-puo-registrare.

Il marchio dovrebbe essere facile da memorizzare, leggere e identificare. Il titolare del marchio dovrebbe anche assicurarsi che il dominio corrispondente sia libero e inutilizzato.

Chi può registrare?

Secondo l’articolo 19 del CPI (il Codice Proprietà Industriale), possono registrare un marchio una persona giuridica o una fisica e, in particolare: “chi lo utilizzi o si proponga di utilizzarlo nella fabbricazione o commercio di prodotti o nella prestazione di servizi della propria impresa o di imprese di cui abbia il controllo o che ne facciano uso con il suo consenso”.

Come depositare il marchio: operazioni preliminari

Per depositare il marchio occorrerà effettuare una verifica preliminare che assicuri la totale assenza di eventuali altri marchi registrati identici o simili, in Italia o nella Comunità Europea.

Per effettuare questa verifica è necessario procedere con una ricerca di anteriorità. Questa va fatta prima nell’ambito dei marchi depositati in Italia: potrai eseguirla sulla banca dati dell’UIBM stesso.

Nel caso esistesse un marchio identico a quello tuo, dovrai effettuare delle modifiche chiare ed evidenti, per esempio cambiando alcune lettere, sostituendole, aggiungendone di nuove, variando la morfologia grammaticale (singolare e plurale, femminile e maschile) e così via.

Accertati che il tuo marchio acquisisca una riconoscibilità propria e distinta, o viceversa potresti incorrere in reclami e dover rispondere a una richiesta di risarcimento danni. Inoltre, la tua domanda probabilmente verrebbe rifiutata dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi sul nascere.

Dovresti corredare il marchio con un logo rappresentativo: cerca di inserire nell’immagine il nome del marchio, in modo che rimanga impresso nella memoria. Trova soluzioni originali: pensa ad alcuni loghi che hanno fatto la storia (per esempio la bandierina di Windows, o la M di McDonald’s).

La ricerca di anteriorità dovrà essere ripetuta anche sulla banca dati della Comunità Europea, ovvero la banca dati dell’Ufficio Proprietà Intellettuale dell’Unione Europea (European Union Intellectual Property Office) che puoi trovare al seguente indirizzo: EUIPO.

Assegnare la categoria al tuo marchio

A questo punto, dovrai identificare la categoria a cui appartiene la tua impresa. Esistono 45 classi (che trovi qui:www.studiocis.eu/elenco-classi) ognuna specifica per ciascuna categoria commerciali, relativa a prodotti fisici e ai servizi. Le trovi suddivise in due macro-sezioni:

  • dalla classe 1 alla classe 34 trovi i prodotti fisici
  • dalla classe 35 alla classe 45 trovi i servizi.

Una volta identificata la classe idonea, puoi procedere con la vera domanda di deposizione del marchio. Ricorda che una classe ha un costo di 101 euro, mentre se scegli più classi, ciascuna classe supplementare costerà 34 euro.

Come depositare un marchio: compilazione del modulo

Il Modulo C è il prossimo passo della tua richiesta. Puoi scaricarlo in formato PDF modificabile sempre dal sito www.uibm.gov.it.

Dovrai qui inserire i seguenti dati:

  • Tipologia primo deposito: scegli Ordinaria;
  • Tipo di marchio: scegli Individuale;
  • Natura del marchio: se il marchio è solo testo scegli (D), se invece è accompagnato da un’immagine scegli (F);
  • Denominazione: qui va il nome del marchio;
  • Descrizione: qui dovrai descrivere il logo del marchio.
  • Classificazione: qui vanno inseriti i numeri delle classi scelte. Sono disponibili 3 classi, ma se ne hai scelte di più puoi sempre scaricare un foglio supplementare per le classi extra (che ha un costo di 16 euro della marca da bollo successiva);
  • Richiedente: azienda o persona, in numero di 2 (eventualmente scarica un foglio extra per i richiedenti, anche qui occorreranno 16 euro di amrca da bollo)
  • Domicilio elettivo: l’indirizzo postale a cui far pervenire le comunicazione dall’UIBM.
  • Esemplare del marchio: qui va l’immagine del marchio;
  • Rappresentazione del marchio: Scrivi 1 in N. Esemplari
  • N° fogli aggiuntivi per i seguenti paragrafi: eventuali fogli extra per classi e richiedenti)
  • Richiesta copia autentica: a scelta, ma è consigliabile Sì
  • Numero di pagine totali.

Adesso occorrerà firmare  su tutte le pagine in cui figura in fondo FIRMA DEL RICHIEDENTE (se le persone sono giuridiche occorrerà il timbro e la firma dell’amministratore).

Preparazione allegati per depositare il marchio

A questo punto, dovrai recarti presso la CCIAA locale con il Modulo C; una copia del documento di riconoscimento dei richiedenti; le deleghe dei richiedenti da affidare alla persona incaricata del deposito fisico; una stampa A4 del marchio con la firma; 2 marche da bollo da 16 euro (più una per ciascun foglio aggiuntivo); un bollettino di 43 euro intestato alla CCIAA locale.

Alla CCIAA locale verrà ultimata la procedura per depositare il marchio e ti verrà comunicato l’esito entro 6 mesi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome